Passa al contenuto principale

DOMANDE FREQUENTI

Domande? Qui troverete alcune delle domande più comuni, e molto altro.

Visualizza tutte le FAQ

  • Sappiamo che utilizzate i nostri prodotti attorno alle persone, agli animali e alle cose che amate. Pertanto, vogliamo che abbiate tutte le informazioni che vi servono per fare le scelte migliori per la vostra famiglia.

  • Tutto inizia con l'esigenza di un consumatore o di un'innovazione che riteniamo possa piacere. Raccogliamo idee da consumatori, rivenditori, fornitori e altro. Successivamente iniziamo il processo di creazione del prodotto, considerandone l'utilizzo, l'azione, il potenziale ciclo di vita del prodotto e altri fattori. Utilizzando il nostro sistema di classificazione sviluppato internamente, noto come procedura SC Johnson Greenlist™, gli scienziati lavorano per selezionare classi di ingredienti di cui si possono fidare, valutandoli in base al loro impatto sull'ambiente e sulla salute umana. Quindi, una volta che il prodotto è pronto e ha soddisfatto gli standard di prestazioni e qualità, il nostro team della produzione lo realizza in base alle specifiche. Successivamente il prodotto viene sottoposto al test di qualità.

    In fin dei conti, il nostro obiettivo è sempre fornire al cliente un prodotto di cui possa fidarsi e all'altezza della nostra tradizione di innovazione e qualità. Per saperne di più sulla procedura Greenlist™, fare clic qui.

  • Quando abbiamo lanciato per la prima volta il nostro programma di divulgazione degli ingredienti, abbiamo puntato a utilizzare un unico sistema di denominazione, l'International Nomenclature of Cosmetic Ingredients (INCI), per semplicità. Queste sono le parole che siete abituati a leggere sui prodotti per il makeup e la cura della persona, quindi abbiamo pensato che siano le più comprensibili per la maggior parte delle persone.

    Tuttavia, alcuni ingredienti che usiamo non fanno parte dell'elenco INCI, poiché la nomenclatura INCI è specifica per il settore dei prodotti per la cura della persona. In questi casi, facciamo automaticamente riferimento al dizionario degli ingredienti condiviso dall'industria statunitense dei prodotti per la casa. Abbiamo collaborato con altre aziende del settore alla creazione di tale nomenclatura attraverso la Consumer Specialty Products Association (CSPA).

    Di conseguenza, i nomi dei nostri ingredienti sono una combinazione della nomenclatura INCI globale e del dizionario CSPA statunitense. In molti casi si sovrappongono, ma dove non lo fanno, puntiamo a usare il nome più comunemente usato all'interno del nostro settore o che sarà meglio compreso dai clienti. Il modo in cui parliamo dell'acqua quando viene usata come ingrediente può essere un esempio. Il termine INCI è aqua. Noi seguiamo il dizionario CSPA e la chiamiamo semplicemente acqua.

  • Non dimenticate che tutti i materiali sono "sostanze chimiche": le sostanze chimiche formano la struttura di tutto, dal cibo all'abbigliamento, fino all'aria che respiriamo. L'acqua, ad esempio, è una combinazione delle sostanze chimiche idrogeno e ossigeno (H2O), mentre l'aria è un mix di azoto, ossigeno, anidride carbonica e altri gas. Non bisogna poi dimenticare che la natura è ricca di sostanze chimiche tossiche, come l'arsenico e il cianuro. Inoltre, a volte un ingrediente sintetico è una scelta migliore per varie ragioni, tra cui la sostenibilità. L'uso di un ingrediente naturale raro, come ad esempio il legno di sandalo, potrebbe causarne la totale scomparsa dal pianeta. In casi del genere, usare un materiale sintetico potenzialmente illimitato è una scelta più responsabile. SC Johnson usa gli ingredienti naturali, ma solo quando soddisfano i nostri standard.

  • Entrambe sono importanti, ma la quantità è l'elemento chiave. Pensatelo in questo modo: La maggior parte di voi è concorde sul fatto che l'acqua è una sostanza chimica innocua. Ma anche l'acqua può essere mortale se ne bevete in quantità eccessiva. La cosa importante nello sviluppo dei prodotti è selezionare la sostanza chimica giusta per raggiungere l'obiettivo e utilizzare la percentuale efficace più piccola degli ingredienti chiave per ottenere il risultato desiderato.

  • Mentre alcune sostanze chimiche, tra cui amianto e arsenico sono molto pericolose o "tossiche", qualsiasi sostanza chimica ha un grado di tossicità ad essa associato. Prendiamo come esempio il sale da tavola o Cloruro di sodio. Se utilizzato con moderazione, il sale da tavola serve semplicemente a migliorare il gusto del cibo. Tuttavia, se ingerito in quantità eccessiva, il sale da tavola può essere un fattore responsabile dell'alta pressione del sangue. Quindi è tossico? La risposta è: Il sale da tavola PUÒ essere tossico se usato in modo eccessivo, tuttavia se l'uso è moderato, NON è tossico. Ciò che importa è la quantità utilizzata o dose.

  • Buona domanda. Talvolta sentirete parlare di questo dibattito in quanto fa riferimento alle normative e alle leggi in termini di sostanze chimiche. Il termine "pericolo" si riferisce alla proprietà di un ingrediente. Ad esempio, il pericolo legato al sale da tavola è quello di poter contribuire all'aumento della pressione del sangue. Il termine "rischio" indica la PROBABILITÀ secondo cui il pericolo accadrà. Facendo l'esempio del sale da tavola, il rischio di aumentare la pressione del sangue rimane basso se non ne mangiate molto. Pertanto, il rischio riguarda il grado di pericolo legato ad un ingrediente E alla dose ricevuta da una persona – ovvero la quantità e la lunghezza dell'esposizione nel tempo. Alcune persone affermano che gli ingredienti caratterizzati da un pericolo qualsiasi sono nocivi. Ma, come nell'esempio del sale da tavola, i pericoli spesso possono essere facilmente gestiti.

    In SC Johnson, seguiamo un approccio basato sui rischi. Ciò significa:

    •  Verificare che gli ingredienti caratterizzati da proprietà pericolose siano limitati a livelli sicuri e mantenere la concentrazione minima per il lavoro imminente, come richiesto dalle leggi locali.

    •  Studiare prodotti che agiscano rapidamente, al fine di ridurre la quantità e la durata dell'esposizione.

    •  Progettare imballaggi che riducano l'esposizione, ad esempio garantendo che un prodotto che potrebbe scatenare una reazione allergica cutanea venga confezionato in un contenitore a prova di perdite.

    •  Studiare degli spray per ridurre le inalazioni al minimo, ad esempio creando gocce di detergente più grandi in modo che cadano sulla superficie che state pulendo anziché rimanere sospese in aria.

    •  Fornire istruzioni chiare sulle etichette per prevenire il cattivo utilizzo che potrebbe aumentare il rischio associato all'uso di un prodotto. Le etichette vengono applicate per un motivo – leggetele e seguite le istruzioni.

  • Lavoriamo a stretto contatto con i nostri fornitori di fragranze per essere certi di aver valutato gli ingredienti delle nostre fragranze, sia per la salute umana che per l'ambiente. Soddisfiamo i requisiti normativi dei paesi in cui operiamo nonché gli standard specificati dall'International Fragrance Association (IFRA).

    Inoltre, in SC Johnson, l'analisi delle fragranze si spinge oltre. Tali fragranze vengono valutate non solo secondo gli standard IFRA, ma anche in base ai nostri standard specifici. Iniziamo con l'elenco IFRA e successivamente applichiamo i nostri requisiti interni. Questi requisiti interni possono riguardare gli stessi criteri dell'IFRA, quali cancerogenicità, mutagenicità o tossicità riproduttiva, ma in SC Johnson possiamo adottare una posizione diversa rispetto a un ingrediente. In alcuni casi, possiamo anche considerare altri fattori, tra cui indagini fra i consumatori su ingredienti o altri punti di vista scientifici.

  • No. In determinate circostanze, ammettiamo l'uso di un materiale “non ammissibile” per un periodo di tempo limitato. Tali eccezioni sono però molto rare. Per prima cosa occorre sottoporre una specifica richiesta al nostro responsabile per gli affari ambientali e la sicurezza globale del prodotto, con una spiegazione del perché quell'ingrediente è necessario e una data proposta per la fine del suo utilizzo. Se la richiesta ottiene l'approvazione, deve essere approvata anche dal nostro Direttore Sostenibilità.

  • Innanzitutto, è importante sottolineare che ammettiamo eccezioni solo per ingredienti che, sebbene sollevino dubbi in SC Johnson, si sono dimostrati sicuri se usati a determinati livelli – livelli che noi non superiamo. Ciò detto, potremmo concedere un'eccezione per i seguenti motivi:

    • Se scopriamo che un fornitore sta aggiungendo un ingrediente “non ammissibile” a un prodotto che ci vende, abbiamo bisogno di un’eccezione finché non saremo in grado di modificare la formulazione per eliminare quell’ingrediente.
    • Se acquisiamo un marchio o un prodotto e scopriamo la presenza di materiali che consideriamo non ammissibili, ricorriamo a un'eccezione in vista di una riformulazione dei prodotti coinvolti.
    • Se riformuliamo un prodotto per eliminare un ingrediente “non ammissibile” e tale prodotto era già stato approvato dall'autorità normativa competente – ricorriamo a un'eccezione in attesa che quell'autorità approvi la nuova formulazione.

  • Non in tutti i casi. I prodotti realizzati con materiali naturali possono contenere più allergeni rispetto ai prodotti realizzati con materiali sintetici. Ad esempio, le fragranze realizzate con materiali naturali possono contenere allergeni a livelli più elevati rispetto alle fragranze realizzate principalmente con materiali sintetici.

  • Questi ingredienti sono componenti comuni di molte fragranze, in particolare di quelle basate su oli essenziali come le fragranze al limone, floreali e al pino. In base alla fragranza, le nostre formule possono contenere alcuni di questi materiali. Sono stati determinati dei livelli di sicurezza che non generano effetti allergici e che sono la base per gli standard IFRA sviluppati per tutti i 26 materiali. Le nostre fragranze utilizzano questi materiali alle concentrazioni minime possibili nella creazione della fragranza e sempre al di sotto dei livelli sicuri stabiliti dagli standard IFRA e conformemente alle leggi applicabili. Ogni qualvolta si utilizza uno o più dei 26 allergeni UE, ciascuno di questi 26 allergeni UE viene indicato in modo chiaro sull'etichetta del prodotto come richiesto dalla legge.

    Anche se esistono numerose nomenclature diverse per questi allergeni, di seguito sono riportati i loro nomi comuni in base alla direttiva UE sui cosmetici:

    •  2-Benzylideneheptanal (Amyl cinnamal)
    •  Benzyl alcohol
    •  Cinnamyl alcohol
    •  3,7-Dimethyl-2,6-octadienal (Citral)
    •  Phenol, 2-methoxy-4-(2-propenyl) (eugenol)
    •  Hydroxycitronellal
    •  Phenol, 2-methoxy-4-(1-propenyl)- (Isoeugenol)
    •  2-Pentyl-3-phenylprop-2-en-1-ol (Amylcinnamyl alcohol)
    •  Benzyl salicylate
    •  2-Propenal, 3-phenyl- (Cinnamal)
    •  2H-1-Benzopyran-2-one (coumarin)
    •  2,6-Octadien-1-ol, 3,7-dimethyl-, (2E)- (geraniol)
    •  3 and 4-(4-Hydroxy-4-methylpentyl) cyclohex-3-ene-1-carbaldehyde (Hydroxyisohexyl 3-cyclohexene carboxaldehyde) (HICC or Lyral®)  
    •  4-Methoxybenzyl alcohol (Anise alcohol)
    •  2-Propenoic acid, 3-phenyl-, phenylmethyl ester (Benzyl cinnamate)
    •  2,6,10-Dodecatrien-1-ol, 3,7,11-trimethyl- (Farnesol)
    •  2-(4-tert-Butylbenzyl) propionaldehyde (Butylphenyl methylpropional)
    •  1,6-Octadien-3-ol, 3,7-dimethyl- (Linalool)
    •  Benzyl benzoate
    •  3,7-dimethyloct-6-en-1-ol (Citronellol)
    •  2-Benzylideneoctanal (Hexyl cinnamal)
    •  (4R)-1-Methyl-4-(1-methylethenyl)cyclohexene (limonene)
    •  Methyl heptin carbonate (Methyl 2-octynoate)
    •  3-Methyl-4-(2,6,6-trimethyl-2-cyclohexen-1-yl)-3-buten-2-one (alpha-Isomethyl ionone)
    •  Evernia prunastri extract (oak moss extract)
    •  Evernia furfuracea extract (Estratto di muschio)

  • Alcune persone manifestano allergie a determinati ingredienti. In caso di allergie, consigliamo di consultare un medico per discuterne ulteriormente. Inoltre, prima di utilizzare i prodotti SC Johnson, potreste anche contattare il servizio consumatori di SC Johnson: vi aiuterà a stabilire quali sono i prodotti adatti a voi. Potete raggiungerlo al numero 0800 20 45 45.

  • Tutti i prodotti detergenti per la casa contengono allergeni cutanei. SC Johnson si impegna a utilizzare esclusivamente ingredienti con allergeni cutanei in quantità così ridotte da rendere improbabile l’insorgere di una nuova allergia cutanea o l’induzione di una reazione allergica cutanea, sempre che si seguano le istruzioni per l’uso.

  • Ci impegniamo a rivelare il contenuto dei nostri prodotti, in modo che le persone possano effettuare le scelte corrette per se stesse e per le loro famiglie. Presso SC Johnson, ci impegniamo a utilizzare ingredienti con allergeni cutanei in quantità così ridotte da rendere improbabile l’insorgere di una nuova allergia cutanea o l’induzione di una reazione allergica cutanea. Analogamente a come avviene per chi è affetto da allergie alimentari, grazie alla nostra trasparenza, i soggetti con allergie cutanee preesistenti possono compiere una scelta informata del prodotto.

  • Può essere difficile sviluppare un prodotto per la pulizia che sia efficace e non contenga al contempo allergeni cutanei. Ciò che è importante è che i nostri prodotti per la pulizia non dovrebbero causare o indurre reazioni allergiche, se utilizzati come indicato.

  • Gli ftalati includono una grande famiglia di ingredienti che hanno molti utilizzi. La nostra gamma di fragranze non include ftalati. Nel 2008, abbiamo iniziato a chiedere ai nostri fornitori di escludere gli ftalati dalle fragranze che forniscono per i prodotti SC Johnson.

  • Gli scienziati, gli enti normativi e l’Unione Europea concordano sul fatto che è improbabile che una dose di ingrediente inferiore allo 0,01% provochi una reazione nei prodotti con risciacquo. Questa nuova iniziativa di trasparenza rivela gli allergeni cutanei fino alle concentrazioni dello 0,01%, adottando lo stesso standard dell’Unione Europea.

  • I clienti ci dicono che amano le fragranze, perché fanno di tutto per rendere speciale la loro casa. Possono rinfrescare l'aria o fornire quella sensazione di appena pulito che molti vogliono. Noi realizziamo prodotti senza fragranze per le persone che li preferiscono, ma la maggior parte dei nostri test mostra che la maggioranza delle persone ama prodotti per la casa contenenti profumo.

  • Anche se la gamma di fragranze SC Johnson ha circa 1.300 ingredienti, è importante ricordare che ne abbiamo esclusi altri 2.000 comunemente usati perché non soddisfacevano i nostri standard SC Johnson. Una comune fragranza a base di olio potrebbe avere 50 ingredienti diversi; una fragranza complessa ne potrebbe mischiare dai 50 ai 200. Una gamma di 1.300 opzioni offre ai nostri profumieri ampio spazio per dare sfogo alla loro creatività; in questo modo, essi possono sviluppare le straordinarie fragranze che vi aspettate.

  • Come azienda familiare, per noi niente è più importante della salute e della sicurezza delle famiglie che utilizzano i prodotti SC Johnson. Ecco perché la nostra azienda è stata una delle prime a mettere a disposizione dei nostri clienti le informazioni specifiche sugli ingredienti e perché il nostro impegno per una comunicazione trasparente con i clienti rimane costante circa gli ingredienti contenuti nei nostri prodotti. Lavoriamo intensamente per scegliere gli ingredienti di cui le famiglie si possono fidare, valutandoli in base al loro impatto sull'ambiente e sulla salute umana. Per il nostro punto di vista sulla divulgazione degli ingredienti e delle fragranze, fate clic qui.

  • Nel mondo di oggi, spesso ci viene detto che dovremmo utilizzare sempre cose naturali. Dal cibo all'abbigliamento, ad altri prodotti, il concetto è che gli ingredienti naturali possono essere più sani o aiutare a sostenere le risorse e l'ambiente. Ma inaspettatamente, non è sempre così. Infatti, le controparti sintetiche spesso non sono più tossiche delle loro controparti naturali.

    Ad esempio il d-Limonene, che si trova in molti materiali per fragranze naturali ed è un componente delle scorze del limone. Il d-Limonene può causare allergie cutanee e può essere potenzialmente tossico per gli organismi presenti nei corsi d'acqua, in base alla dose. E molti altri ingredienti per fragranze naturali sono caratterizzati dallo stesso pericolo. Infatti, la quantità di d-Limonene in una scorza di arancio è sufficiente per garantirsi una classificazione di “Pericolo” come pericolo di allergia cutanea nell'Unione Europea E un simbolo con “albero secco e pesce morto” per essere pericoloso per l'ambiente! Questa è lo stesso tipo di etichettatura richiesto e applicato su molti prodotti per la casa che utilizzano il d-Limonene sintetico.

    Pertanto, l'uso di materiali per fragranze naturali dovrebbe essere evitato del tutto? No. Ma nemmeno l'uso di ingredienti sintetici con profili analoghi o migliori. Fintanto che un ingrediente per fragranze viene usato alla concentrazione appropriata in un prodotto, non ci dovrebbero essere problemi in relazione al suo utilizzo. E questo vale sia per gli ingredienti naturali che per quelli sintetici.

  • SC Johnson sa che utilizzate i nostri prodotti attorno alle persone, agli animali e alle cose che amate. Ecco perché lavoriamo intensamente per valutare i nostri ingredienti in parte in base al loro impatto sull'ambiente e sulla salute umana, e comunichiamo informazioni pertinenti in modo aperto. Tutti i prodotti SC Johnson che riportano l'etichetta "non profumato" o "senza profumo" non contengono ingredienti per fragranze o profumi. In un numero di prodotti limitato che riportano l'etichetta "non profumato", viene utilizzata una fragranza appositamente formulata per neutralizzare qualsiasi profumo derivato dalla composizione degli ingredienti del prodotto al fine di generare un prodotto senza profumi. Per ulteriori informazioni, visitate la sezione Fragranze di questo sito.

  • Progettiamo i nostri prodotti per rispettare tutte le leggi e normative applicabili. Esse includono tutte le normative a livello europeo, tra cui:

    • Leggi e normative sulla protezione dei consumatori quali: la direttiva sui diritti dei consumatori (2011/83/CE); la direttiva sulla vendita e sulle garanzie dei beni di consumo (99/44/CE); la direttiva sull'indicazione dei prezzi (98/6/CE); e la direttiva sulla pubblicità ingannevole e comparativa (2006/114/CE).
    • Il regolamento sui biocidi (UE) n. 528/2012, disciplinante la vendita e l'uso di biocidi impiegati per proteggere essere umani, animali, materiali o articoli da organismi nocivi, come parassiti o batteri. I biocidi prodotti da SC Johnson e venduti nell'UE contengono principi attivi approvati dall'Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA, European Chemicals Agency).
    • Il sistema mondiale armonizzato di classificazione ed etichettatura delle sostanze chimiche delle Nazioni Unite, recepito dal regolamento UE sulla classificazione, sull'etichettatura e sull'imballaggio di sostanze e miscele (CE) n. 1272/2008.
    • Il regolamento (CE) concernente la registrazione, la valutazione, l'autorizzazione e la restrizione delle sostanze chimiche (REACH) n. 1907/2006, che stabilisce le procedure per la raccolta e la valutazione di informazioni relative alle proprietà e ai rischi di tutte le sostanze chimiche, tra cui i prodotti destinati alla pulizia.
    • Il regolamento sui detergenti (CE) n. 648/2004 e il regolamento sui prodotti cosmetici (CE) n. 1223/2009, disciplinanti l'etichettatura e la sicurezza di detergenti e cosmetici.
    • Le linee guida del CIPAC, dell'OMS, della FAO e dell'OCSE, che sono le linee guida sui prodotti pesticidi stilate dal Collaborative International Pesticides Analytical Council, dall'Organizzazione mondiale della salute, dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, e dall'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.
    • Oltre alle varie normative locali/regionali vigenti nei singoli Stati membri dell'UE

  • Purtroppo, in alcuni casi, sì. Dobbiamo soddisfare requisiti vigenti, di sicurezza e ambientali per i nostri prodotti il test è richiesto per legge per determinati prodotti tuttavia ci stiamo impegnando per soddisfare gli requisiti riducendo continuamente i test sugli animali. Sappiamo che alcune aziende dichiarano di "non eseguire test su animali"; tuttavia abbiamo dubbi in merito poiché spesso si tratta di una pratica legalmente richiesta. Un'azienda che dichiara di non effettuare i test, non significa che gli ingredienti in sé non sono stati testati viene eseguito il test di tossicità per la maggior parte degli ingredienti utilizzati nei prodotti. Tuttavia, alcune aziende evitano la questione poiché le loro materie prime sono state testate dai fornitori da cui le acquistano o da altri fornitori che si avvalgono di tali fornitori. In SC Johnson, l'onestà e la trasparenza sono aspetti importanti in quanto da noi dichiarato. Pertanto, non faremo dichiarazioni eclatanti che implichino più di ciò che è realmente vero. Sappiamo che alcune persone possono scegliere di non acquistare prodotti SC Johnson dato il loro forte interesse in questo argomento. Tuttavia speriamo che ci darete una possibilità, poiché continuiamo a essere una delle aziende che lavora & duramente per promuovere gli sviluppi in questa area. Per maggiori informazioni in merito, leggere qui.

  • È il nostro programma di selezione degli ingredienti. Abbiamo creato il programma Greenlist™ nel 2001, per aiutarci a creare i migliori prodotti possibili, proteggendo al contempo la salute e l'ambiente. 

    Comprende un processo di valutazione in quattro fasi del potenziale impatto di ogni ingrediente sulla salute e sull'ambiente, per aiutare gli sviluppatori dei prodotti a scegliere gli ingredienti migliori per i nostri prodotti. Tutti gli ingredienti che esaminiamo sono idonei all'uso e vengono spesso utilizzati da altre aziende, tuttavia, adottiamo ulteriori misure per valutarli in base ai nostri elevati standard.

    Il programma Greenlist™ si fonda su un impegno rigoroso e costante nella raccolta dei migliori dati disponibili su ingredienti e relativi impatti. Nel corso degli anni, è stato esaminato da numerosi esperti ed è stato sottoposto a una nuova peer review nel 2017.

    Scoprite di più sul programma Greenlist™ di SC Johnson facendo clic qui.

  • Non necessariamente. I rimedi "naturali" o fatti in casa non sono necessariamente più sicuri, efficaci o a basso contenuto di allergeni. In realtà, molti prodotti naturali sono sottoposti a test limitati o non scientifici rispetto alle ampie valutazioni tossicologiche che aziende, tra cui SC Johnson, richiedono per le formulazioni dei loro prodotti.

  • I coloranti, i conservanti e le fragranze forniscono preziosi vantaggi. I coloranti possono essere un importante segnale visivo che vi aiuta a sapere che state utilizzando il prodotto che volevate usare. Oppure per i prodotti come le candele, i coloranti possono aiutarvi a scegliere una determinata candela in modo da abbinarla al colore dell'arredamento di casa. I conservanti prevengono la crescita quando i prodotti vengono conservati sugli scaffali dei negozi o in casa; in questo modo, i prodotti durano più a lungo e agiscono meglio, senza rovinarsi. Infine, molte persone associano una fragranza fresca ad una casa pulita e accogliente, e cercano proprio i prodotti che offrono questo vantaggio aggiunto.

  • Il d-Limonene è un materiale per fragranza essenziale che viene distillato dall'olio estratto dalle scorze del limone. Molte delle nostre fragranze contengono piccole quantità di d-Limonene. Esistono delle preoccupazioni circa l'uso del d-Limonene poiché talvolta può causare sensibilità cutanea o allergie da contatto. Il d-Limonene è uno dei 26 allergeni UE, un elenco di componenti comuni per fragranze che possono potenzialmente causare una reazione cutanea negli individui che sono già allergici a tali materiali.

    Tuttavia, conformemente agli standard IFRA, chiediamo che gli ingredienti delle fragranze vengano usati solamente a concentrazioni di cui non siano state dimostrate reazioni allergiche nelle persone che non sono sensibili a tali materiali. E, ove richiesto dalla legge, quando si utilizza il d-Limonene, questo viene indicato in modo chiaro nell'elenco degli ingredienti riportato sull'etichetta del prodotto corrispondente.

  • I glicoletere sono una famiglia di ingredienti. Anche se è stato dimostrato che alcuni glicoletere causano danni sul sistema riproduttivo, questo non vale per l'intera famiglia di ingredienti. SC Johnson utilizza SOLO fragranze contenenti glicoletere che sono all'altezza degli standard dell'International Fragrance Association e dei nostri standard SC Johnson. 

  • I parabeni sono una famiglia di conservanti che vengono ampiamente utilizzati nei cosmetici. Alcune delle nostre fragranze contengono piccole quantità di parabeni per preservare la fragranza e la formulazione. Anche se un numero ridotto di persone manifesta reazioni allergiche ai conservanti, il loro ruolo è importante. Senza questi, la durata di molti prodotti non sarebbe superiore a una o due settimane prima di essere contaminati da batteri, muffe o lieviti. Pertanto, pensiamo che sia opportuno aggiungere dei conservanti in quantità minime ma efficaci. Utilizziamo solo parabeni che sono all'altezza degli standard dell'International Fragrance Association e dei nostri standard SC Johnson.

  • Gli ftalati includono una grande famiglia di ingredienti che hanno molti utilizzi. La nostra gamma di fragranze non include ftalati. Nel 2008, abbiamo iniziato a chiedere ai nostri fornitori di escludere gli ftalati dalle fragranze che forniscono per i prodotti SC Johnson.

  • Per molti anni, il muschio per fragranze è stato estratto dalle ghiandole dei moschidi maschi. Tuttavia negli ultimi decenni, i muschi sintetici hanno sostituito i muschi naturali per motivi etici ed economici. I muschi policiclici e i nitromusk sono due tipi di muschi sintetici. Le fragranze SC Johnson non utilizzano nitromusk, che sono stati collegati ai problemi del sistema riproduttivo. Noi utilizziamo i muschi policiclici (ad esempio, Galaxolide e Tonalide), utilizzati comunemente nei prodotti per la casa e nei cosmetici e non classificati come tossici o bioaccumulanti, ovvero non è noto che si accumulano nell'ambiente.

    Ciò detto, alcuni studi recenti hanno rilevato questi muschi policiclici nei campioni di sangue e di latte materno. Quando vediamo nuove informazioni come queste, la cura con cui eseguiamo l'analisi di un ingrediente aumenta, ma non abbiamo ancora visto alcuna indicazione scientifica degli eventi avversi dei muschi policiclici nei livelli presenti nelle nostre fragranze. Come nel caso che vede coinvolti tutti i nostri ingredienti, se emergono nuove informazioni scientifiche sui muschi policiclici, le valuteremo e, laddove appropriato, faremo cambiamenti alla nostra gamma di fragranze.